ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE “A. MEUCCI “

Sede “A. Meucci” Via Marina Vecchia, 230 54100 MASSA (MS) Tel. 0585 252708-fax.0585 251012
Sede “G. Toniolo” Via XXVII Aprile, 8/10 54100 MASSA (MS) Tel. 058541284 – fax 0585489126
Uffici Amministrativi – Via Marina Vecchia, 230 – 54100 MASSA
Email istituzionale: msis01800l@istruzione.it - Posta certificata: msis01800l@pec.istruzione.it

Il “Treno della Memoria”, progetto voluto dalla Regione Toscana nel 2002, ogni due anni porta ad Auschwitz e Birkenau studenti, insegnati e sopravvissuti. Ai ragazzi si chiede di far tesoro di tutto ciò che vedranno e vivranno, e di trasmettere quanto visto e ascoltato ai loro coetanei, per lasciare un seme di speranza affinché certe tragedie non si ripetano più.

Il 27 gennaio 2013, anno in cui l’iniziativa è giunta all’ottava edizione, oltre 500 studenti provenienti dalle scuole superiori dalle dieci province toscane si sono ritrovati alla stazione fiorentina di Santa Maria Novella con destinazione Oświęcim (nome polacco di Auschwitz), luogo simbolo della Shoah. La partenza è avvenuta proprio da quella stessa stazione dalla quale, l’8 Marzo 1944, centinaia di persone, caricate su vagoni merci, intrapresero un lunghissimo viaggio verso i campi di sterminio.

Il nostro Istituto aderisce al progetto da quattro edizioni. L’anno scorso vi hanno partecipato gli studenti: Michele Battolla (5ATS), Riccardo Belloni (5AM), Carlo Alberto Bugliani (5A IGEA), Elena Cipollitti (5AI), David Lenzoni (5AE), accompagnati dal professore Carlo Pelliccia.

Oltre alla visita ai campi, sono stati organizzati incontri con i sopravvissuti: l’ex staffetta partigiana Marcello Martini e le sorelle Andra e Tatiana Bucci. In quell’occasione è stata data l’opportunità di ascoltare le loro storie e di porgere loro alcune domande.

Collabora al progetto regionale anche la Fondazione “Museo e Centro di documentazione della Deportazione e Resistenza – Luoghi della memoria Toscana” di Prato, la quale, a partire dal 2009, ha proposto il progetto “Un nome, una storia, una memoria” che consiste nel consegnare ad ogni studente partecipante al viaggio, il nome di un ragazzo vittima dei campi di concentramento da “custodire” e portare con sé lungo il percorso e ricordato in occasione della cerimonia a Birkenau, durante la quale ogni ragazzo ha pronunciato ad alta voce il nome del proprio compagno di viaggio.

Gli studenti dell’I.I.S. “A. Meucci” partecipanti al viaggio, hanno realizzato una presentazione multimediale completamente originale e da loro ideata, intitolata " ", che narra le cinque possibili storie dei nostri “compagni di viaggio” immaginando che a costudire queste storie sia un diario che passa di mano in mano all’interno del campo e sul quale ognuno dei ragazzi racconta la propria storia. Alla fine della guerra, il diario verrà riconsegnato al fratello dell’ultima bambina che ha posto la propria firma. Egli lo conserverà gelosamente in una cartellina di pelle. Dopo molti anni, il fratello sente la necessità che gli scritti del diario non vadano dimenticati e con loro il ricordo di chi ha affidato la propria storia a quelle pagine. Nonostante l’anziano uomo, ormai nonno, non abbia mai raccontato quello che anche lui ha vissuto in quei campi, un giorno decide di donarlo al nipote, intento a studiare l’ascesa al potere del Fascismo e Nazismo...

La colonna sonora del video è stata realizzata da un piccolo gruppo musicale che ha coinvolto anche altri ragazzi della scuola anche se non hanno partecipato al viaggio.

Il video, che vi invitiamo a guardare, è accompagnato da un libretto (scarica qui) che descrive in modo più dettagliato il progetto e la sua realizzazione.